Delibera n. 217 del 1 marzo 2017


OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 211 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50/2016 presentata da Comune di Quarrata – Servizio di Polizia Municipale / _____Omissis______./ _____Omissis______. Procedura negoziata per l’affidamento del servizio di supporto organizzativo gestionale delle violazioni alle norme del C.d.S. elevate dagli Agenti di polizia Municipale e noleggio installazione e manutenzione di sistemi di rilevamento automatico delle infrazioni ex art. 146 C.d.S. Criterio di valutazione: offerta economicamente più vantaggiosa. Importo a base di gara. 190.200,00 euro.

PREC 136/16/S

Affidamento dei contratti di importo inferiore alle soglie comunitarie. Procedura negoziata elettronica tramite sistema dinamico di acquisizione- MEPA. Lettera di invito a operatore economico abilitato al MEPA ma non allo specifico catalogo per cui vi è richiesta di offerta.

E’ conforme a quanto previsto dalla specifica disciplina del sistema dinamico di acquisizione MEPA, che l’ invito a partecipare ad una procedura negoziata indetta con RDO sia rivolto ad imprese abilitate al sistema anche se non iscritte allo specifico catalogo per cui è formulata l’offerta, purché al momento della presentazione dell’offerta abbiano provveduto ad abilitarsi per lo specifico settore.

Artt.36 D.lgs.50/2016;

Il Consiglio

VISTA l’istanza prot. n. 172942 del 22 novembre 2016, con cui la Polizia Municipale del Comune di Quarrata chiedeva a questa Autorità un parere sulla legittimità dell’aggiudicazione disposta in favore della ditta _____Omissis______. ,nella gara in oggetto, a seguito della richiesta di annullamento in autotutela pervenuta dalla concorrente _____Omissis______. motivata dal fatto che alla data dell’invito l’aggiudicataria provvisoria, pur essendo iscritta al MEPA e avendo presentato la richiesta di iscrizione al catalogo “Servizi di assistenza P.A.”, non risultava ancora accreditata per tale servizio;

VISTO l’avvio dell’istruttoria avvenuto in data 30 gennaio 2016;

VISTA la documentazione in atti e, in particolare, le memorie prodotte dalle parti;

CONSIDERATO che le questioni giuridiche controverse prospettate dagli istanti possono quindi essere decise ai sensi del Regolamento per il rilascio dei pareri di precontenzioso di cui all’art. 211 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n.50;

CONSIDERATO che  il MePA è uno strumento telematico di acquisizione per effettuare acquisti in rete e ad esso si applica la disciplina prevista in materia di acquisti pubblici sotto soglia comunitaria, come per le gare tradizionali, da svolgersi attraverso un confronto concorrenziale e in applicazione delle procedure di acquisto in economia disciplinate dal D.lgs. 50/2016;

CONSIDERATO che, sulla base delle regole del sistema (art. 51 comma 4) e delle faq pubblicate sul sito www.acquistinretepa.it, si prevede che il possesso della prescritta abilitazione debba sussistere al momento della procedura di inserimento dell’offerta (risposta alla RDO);

RITENUTO che, alla stregua di quanto richiamato, la ditta aggiudicataria ben potesse, in funzione del proprio interesse nei confronti di una o più RDO, abilitarsi allo specifico bando entro il termine di scadenza previsto per poter formulare la propria offerta;

Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, l’operato della stazione appaltante conforme alla disciplina normativa di settore.

Il Presidente
Raffaele Cantone

Depositato presso la Segreteria del Consiglio in data 9 marzo 2017
Il Segretario Maria Esposito

Formato pdf 140 kb