DELIBERA  N. 535  DEL 17 maggio 2017

Oggetto:  istanza di parere di precontenzioso ex art. 211, comma 1, del d.lgs. n. 50/2016  presentata dalla Gestione Servizi Ambientali Soc. Coop. –Servizio di raccolta e  trasporto dei rifiuti solidi urbani, di raccolta differenziata e servizi  connessi nel comune di Porlezza e frazioni CIG 6833128B99 - Importo a base di  gara: € 285.500,00 - S.A.: Provincia di Como
PREC 100/17/S-TER

Iscrizione Albo Gestori Ambientali -  Requisito di esecuzione e non di partecipazione
È illegittima la clausola della lex specialis che richiede, a pena di  esclusione, l’iscrizione all’albo dei gestori ambientali come requisito di  partecipazione piuttosto che come requisito di esecuzione.

Articolo 83, d.lgs. n. 50/2016

Il Consiglio

VISTA l’istanza di parere prot. n. 4884 del  13 gennaio 2017, presentata dalla Gestione Servizi Ambientali Soc. Coop relativamente alla procedura di  gara in epigrafe, con la quale veniva contestata la legittimità della  previsione della lex specialis nella  quale veniva richiesta, quale requisito di partecipazione, l’iscrizione all’albo  dei gestori ambientali, in quanto tale requisito avrebbe natura di requisito di  esecuzione e non di partecipazione;

VISTA la documentazione di gara e, in  particolare, il punto III.1.1.) del bando di gara, relativo a “Abilitazione  all’esercizio dell’attività professionale, inclusi i requisiti relativi  all’iscrizione nell’albo professionale o nel registro commerciale”, che prevede l’iscrizione all’albo nazionale dei gestori ambientali ai sensi dell’articolo  212 del d.lgs. n. 152/2006 per le categorie 1, classe E, 4, classe F e 5 classe  F;

VISTO l’avvio dell’istruttoria avvenuto in  data 15 marzo 2017;

VISTA la documentazione in atti e, in  particolare, le memorie delle parti;

VISTA, nello specifico, la memoria  difensiva dell’amministrazione che ha sostenuto la legittimità della  disposizione della lex specialis;

RILEVATO che sulla questione può decidersi  ai sensi dell’articolo 10 del Regolamento per il rilascio dei pareri di  precontenzioso di cui all’articolo 211 del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50;

CONSIDERATO che, relativamente alla questione  giuridica inerente l’iscrizione all’albo dei gestori ambientali, questa  Autorità ha già avuto modo di pronunciarsi sostenendo che l’iscrizione  costituisce un requisito di esecuzione e non di partecipazione alle gare per  l’affidamento degli appalti relativi allo svolgimento delle attività di  raccolta e smaltimento rifiuti a norma dell’articolo 212 del d.lgs. 152/2006, «dovendo i bandi prevedere una specifica clausola in base alla quale non si  procederà alla stipulazione del contratto in caso di mancato possesso della  relativa iscrizione»; pertanto, tale requisito non può essere inserito tra  le cause di esclusione dei concorrenti, ma deve essere invece richiesto  all’aggiudicatario ai fini dell’esecuzione del contratto (cfr., da ultimo, delibera n. 350 del 13  aprile 2017);

RITENUTO, conseguentemente, sotto tale  profilo, non conforme all’indicato orientamento la previsione della disciplina  di gara oggetto di contestazione che, invece, prevede il requisito  dell’iscrizione all’albo dei gestori ambientali quale requisito di partecipazione;

Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione,  che la previsione della lex specialis che  prevede il requisito di iscrizione all’albo gestori ambientali quale requisito  di partecipazione e non di esecuzione non è conforme all’interpretazione  consolidata fornita in materia.

Raffaele  Cantone

Depositato presso la Segreteria del  Consiglio in data 29 maggio 2017
Il segretario Maria Esposito

Formato pdf 151 kb